‭(Nascosta)‬ CatalogItemCheckWebPart

Sai cosa ti metti? Leggi l'etichetta

Sai cosa ti metti? Leggi l'etichetta
venerdì 28 febbraio 2014
Conosci davvero quello che ti spalmi? A volte diamo per scontate tante cose, anche quando compriamo e usiamo un prodotto cosmetico… Impara a leggere l’etichetta e scegli il prodotto più adatto per te, con la nostra guida.

L’etichetta contiene alcune informazioni obbligatorie per legge: il nome (o la ragione sociale e l’indirizzo o la sede legale) di chi è responsabile del prodotto, il numero del lotto e il paese di origine, se il prodotto è fabbricato al di fuori dell’Unione Europea. Nell’etichetta trovi anche la funzione del prodotto, l’elenco degli ingredienti riportato secondo la nomenclatura INCI (International Nomenclature Cosmetic Ingredients) e la quantità di prodotto contenuta nella confezione.

Ci sono poi alcuni simboli:

Precauzioni per l'usoSe le precauzioni particolari per l’uso (come ad esempio “evitare il contatto del prodotto con gli occhi”) non possono essere contenute nell’etichetta, questo simbolo ti rinvierà al foglio d’istruzioni per leggerle.

 

Clessidra che indica la data di scadenza


 La clessidra indica la data di scadenza ed è seguita spesso dalladicitura “Da usare preferibilmente entro”.

 

PaO Period after Opening

 

Il simbolo del PaO (Period after Opening) indica il periodo di mesi entro il quale il cosmetico aperto mantiene le sue caratteristiche e può essere usato in tutta sicurezza.

I cosmetici sono solitamente composti da una formula base alla quale sono aggiunti i principi attivi, chesi trovano nella parte centrale dell’INCI, preceduti da tensioattivi, gelificanti e umettanti e seguiti da conservanti, coloranti e profumi.

Fai attenzione all’ordine con il quale sono riportati gli ingredienti perché segue una logica decrescente: i primi sono quelli maggiormente presenti nel prodotto. Gli ingredienti presenti in concentrazioni inferiori all’1%, invece, possono essere indicati in ordine sparso.
Sai cosa ti metti? Leggi l'etichetta
Hai notato che alcuni ingredienti sono scritti in latino e altri in inglese?
I derivati naturali non modificati chimicamente sono indicati con nomi INCI composti in inglese e latino, secondo il seguente criterio: Genere + Specie (in latino) + Parte del vegetale (in inglese) + Tipo di derivato (in inglese).
Ad esempio: Macadamia ternifolia seed oil = olio di semi di macadamia

Si usa l'inglese per indicare gli ingredienti prodotti di sintesi o che hanno subito un processo di trasformazione chimica. Per i derivati naturali sottoposti a modifiche di tipo chimico, la parte naturale della sostanza è indicata col nome comune in inglese.
Per esempio: Hydrolyzed wheat protein = proteine del frumento idrolizzate.

Il profumo è indicato con il termine generico PARFUM o AROMA.

I coloranti artificiali sono indicati con la sigla C.I. (Color Index) seguita da un numero identificativo formato da 5 cifre (tranne i coloranti per capelli, che devono sempre essere indicati col loro nome chimico inglese).

Continua a seguirci per altre “pillole” informative sull’etichetta e gli ingredienti usati in cosmesi.

 

Data di pubblicazione: 28/02/2014


Sai cosa ti metti? Leggi l'etichetta